martedì 23 febbraio 2016

Vigili del fuoco in protesta a Napoli





Napoli 23 febbraio 2016

E' un pò che non scrivo su questo blog, un pò perchè è calato il mordente e un altro pò la rete con i social ha fatto perdere tanto in motivazione.
Ma oggi sento di scrivere, per lasciare il segno, per fare memoria, per dire la mia.Almeno qui!
Nell'ambiente dei vigili del fuoco è un po che monta il malumore, per tanti motivi: il rinnovo contrattuale, i mezzi che vanno spesso fuori servizio data la loro età, le attrezzature che vengono a mancare per le poche risorse, il personale che non riesce a mantenere gli standard formativi, i passaggi di qualifica, le malattie. Insomma una moltiplicità di situazione che rendono il lavoro più bello del mondo una jungla di difficoltà.
Ma veniamo a noi. Oggi anche i colleghi di Napoli hanno deciso di incontrarsi in assemblea spontanea per confrontarsi, per dare ognuno il proprio contributo al fine di far partire dalla "base" (come dice un amico) le proposte alle oo.ss. per quando vanno a sedersi al tavolo delle trattative.
Erano presenti all'incirca una 70 di persone, in maggioranza della sede Centrale e con un età anagrafica che superava i 45 anni e con anzianità oltre i 15 anni. Questo per capire un attimo la composizione della platea.
Molti discorsi erano più che fondati e validi da affrontare, la prospettiva delle pensioni, le malattie per causa di servizio diretta e indiretta, sono aspetti più che nobili. Le indennità irrisorie, pensate che un vvf prende 1,03 euro/ora per l'indennità notturna e/o festiva.
Diciamo che fin qui tutto bene, grosso consenso e buona convergenza da tutti i presenti. Ma la questione è che in questo momento si sta mettendo mano alla riforma della legge 217 e della legge 139, che rappresentano le articolazioni del funzionamento del Corpo.
Quindi a mio parere sarebbe il caso di focalizzare l'attenzione su questo!
In diversi hanno preso parola e hanno detto la loro. Cerco di riportare il mio pensiero in breve al fine di spiegare meglio le cose.
Un punto chiave, viene da una situazione della gestione del Corpo da parte dei nostri dirigenti che da un lato devono garantire il soccorso ma dall'altro devono far quadrare i conti. Questo è il nocciolo del problema, l'economia gestionale, che più che prediligere la tesi della spending review, pare applicare solo dei tagli netti. Ma il pericolo maggiore viene dalla riforma degli amministrativi del Corpo a cui si vuole dare un ruolo dirigenziale di maggior peso.
Il rischio sarebbe quello di non avere mezzi e risorse per effettuare un soccorso ad alto livello e doversi ritrovare su un intervento e dover procedere con modalità poco consone o come capitato non poter garantire il giusto supporto di operatori specializzati per mera copertura economica.
Altra problematica, e qui entriamo nel vivo del discorso, l'accesso al ruolo di vigile del fuoco avviene con la terza media, unica amministrazione pubblica rimasta con questa possibilità.Cosa che comporta un collocamento su un 5 livello e pertanto già mette in posizione svantagiata il lavoratore rispetto ad altre amministrazioni ( vedi P.S., CC, GdF,Pol. Penitenziaria).
Ma la cosa che non si riesce a risolvere in nessun modo sono i passaggi di qualifica, che vedono il personale vivere il ruolo di vigile per oltre i 2/3 della propria carriera e raggiungere il passaggio di qualifica a Capo Squadra in età avanzata e con anzianità di servizio oltre i 20 anni.
Il concetto base come è attuato con altre amministrazioni e il passaggio con doppio binario, alcuni per solo titoli e altri per concorso (60 e 40) riservato a colleghi che abbiano maturato 10 anni di servizio.

Fin qui tutto bene, passa il tempo, la platea è stanca ed è qua che entra il gioco il gruppo di persone che orienta la massa e li porta a ragionare di pancia e tirando le fila porta a votazione le questioni del proprio punto personale e come gia detto in apertura la platea è particolare, ed è gioco facile e dirottare le masse facendo credere che si stia agendo in democrazia.

Io non ci sto! Perchè ancora una volta si cavalca l'onda emozionale e non si fa comprendere che in questo modo, si sta ancora una volta arrestando il passaggio di qualifica di persone, ancora una volta si sta appiattendo il lavoratore, lo si mette in condizione di non aver stimoli a miglioramento e non avere quindi personale più qualificato.
E' con il personale qualificato che bisogna pretendere il pagamento delle professionalità aggiunte. Vedi i SAF 2A, autisti di 4 grado e ruspisti, SA, TAS2,NBCR3. Insomma l'Italia ha una macchina del soccorso tecnico eccellente, ma gestita con persone che la fanno girare lenta.
Certo ci sarebbe ancora tanto da scrivere e confrontare, ma spero che almeno chi abbia iniziato la lettura, sia arrivato alla fine.
 Poi ogni argomento va sviscerato e digerito al fine di poter arrivare ad una decisione.
Come dice un mio grande amico, in fase di cambiamento non si può accontentare tutti, ma almeno proviamo a cambiare, che a restar fermi non si può più!

15 commenti:

Antonio Aga ha detto...

Come auspicavi nel tuo promemoria... ho iniziato a leggere, ed ho continuato fino alla fine. Perche' le osservazioni critiche e intelligentemente motivate suscitano sempre interesse nel lettore che ha voglia di capire.
Concordo su molte tue osservazioni ma evito di entrare nei dettagli perche' continuo a pensare su quest' incontro che e' giusto lasciare spazio e parola ai lavoratori che si sono autoconvocati.
Chi ha incarichi di responsabilita' sindacale avra' tutto il tempo di sviscerare le proprie idee nell' incontro che terremo prossimamente con i nazionali e dove verranno valutate anche le proposte nate dall' incontro di oggi.
Purtroppo non ero presente all' ultima parte della discussione.
Leggo nelle tue parole un po' di dubbi sul modo piu' o meno democratico di come si sia svolta la votazione e del suo valore.
Ammetto che l' argomento e' spinoso e so quanto sia difficile al giorno d' oggi discernere su cosa sia piu' o meno democratico.
Permettimi pero', nonostante tutti i dubbi nel merito e sul metodo, di esternarti un mio modesto pensiero.
Prendiamoci il meglio di questa giornata.
Decine di lavoratori che finalmente riprendono a parlarsi, senza attaccarsi l' un l' altro, partecipazione, dialogo, e voglia di migliorare e migliorarsi.
Al fianco, e non in contrasto con le OO.SS., stimolando e non semplicemente contestando sterilmente.
Di questi tempi mio caro Gianluca... e' tutto grasso che cola.
Affettuosi saluti...
Antonio Aga

Gianni Mazzarella ha detto...

Gianluca cerco di spiegare il mio personale punto di vista sulla questione carriera, a prescindere che carriera e un altra cosa, infatti il nostro è più un percorso professionale che allo stato attuale per un passaggio verticale prevede circa 23-24 anni di servizio, nel caso di come la chiami tu (meritocrazia ) si allungherebero ulteriormente (ed era un discorso giustissimo se i tempi fossero stati molto inferiori) , diciamo che per i giovani andrebbe pure bene, ma non dimentichiamo che per essere un vigile del fuoco operativo bisogna essere giovane forte agile ecc, si perché è vero che il nostro e un lavoro altamente professionale , ma è pur vero che è anche un lavoro altamente usurante e manuale, tu ti immagini una aps con un cs 40enne e 4 vigili 57enni? Personalmente mi vengono i brividi. Anche io sono d'accordo che chi si impegna merita di più, ma dobbiamo trovare altre strade , una potrebbe essere quella delle specializzazioni tipo nbcr saf sa ecc , comunque un passo lo abbiamo fatto adesso continuiamo a camminare. VC Giovanni Mazzarella

Gianni Mazzarella ha detto...

Gianluca cerco di spiegare il mio personale punto di vista sulla questione carriera, a prescindere che carriera e un altra cosa, infatti il nostro è più un percorso professionale che allo stato attuale per un passaggio verticale prevede circa 23-24 anni di servizio, nel caso di come la chiami tu (meritocrazia ) si allungherebero ulteriormente (ed era un discorso giustissimo se i tempi fossero stati molto inferiori) , diciamo che per i giovani andrebbe pure bene, ma non dimentichiamo che per essere un vigile del fuoco operativo bisogna essere giovane forte agile ecc, si perché è vero che il nostro e un lavoro altamente professionale , ma è pur vero che è anche un lavoro altamente usurante e manuale, tu ti immagini una aps con un cs 40enne e 4 vigili 57enni? Personalmente mi vengono i brividi. Anche io sono d'accordo che chi si impegna merita di più, ma dobbiamo trovare altre strade , una potrebbe essere quella delle specializzazioni tipo nbcr saf sa ecc , comunque un passo lo abbiamo fatto adesso continuiamo a camminare. VC Giovanni Mazzarella

Salvatore Cerullo ha detto...

Buongiorno..se posso..direi anche.la.mia...che poi tanto kia.non è in quanto il. Punto che tocchero' riguarda moltissimi ..
La formazione: La nostra Amministrazione pretende dal supporto. Personale abilitati a formare..nell'ambito TPSS..SAF..NAUTICI..PATENTI ecc.. non solo incarichi di responsabilità. .non di.meno carichi di lavoro impegnativo e sacrificate. .ma come un. Paradosso ti.mette .anche le. Mani nelle tasche decurtando . Il tuo stipendio per insegnare e formare...siamo impazziti?..Ho fatto.alcune riflessioni in tanti anni per.le quali viene spontaneo pensare che chi fa lIstruttore e solo un emerito imbecille! !!..alcuni aspetti...Non danno auto per spostarsi..non danno art.28..se fai 4 sett. Si corso ci rimetti 165 dal tuo stipendio più il salto programmato...incentivi corso ridicoli..a tanto.altro ancora..Dunque..se da un.lato ce5 il vantaggio indiscusso nell'avere un insegnate che fa.il tuo stesso lavoro. .da un altra parte vorrei vedere l'Amministrazione a servirsi di enti esterni con costi esosi..e con risultati sterili..concludo..auspicando che non venga trascurato questo aspetto perché diventerebbe un vero spreco di risorse la dove un'Istruttore e costretto a rifiutare corsi e formazioni per un aspetto economico!!..grazie..un abbraccio..

Salvatore Cerullo ha detto...

Buongiorno..se posso..direi anche.la.mia...che poi tanto kia.non è in quanto il. Punto che tocchero' riguarda moltissimi ..
La formazione: La nostra Amministrazione pretende dal supporto. Personale abilitati a formare..nell'ambito TPSS..SAF..NAUTICI..PATENTI ecc.. non solo incarichi di responsabilità. .non di.meno carichi di lavoro impegnativo e sacrificate. .ma come un. Paradosso ti.mette .anche le. Mani nelle tasche decurtando . Il tuo stipendio per insegnare e formare...siamo impazziti?..Ho fatto.alcune riflessioni in tanti anni per.le quali viene spontaneo pensare che chi fa lIstruttore e solo un emerito imbecille! !!..alcuni aspetti...Non danno auto per spostarsi..non danno art.28..se fai 4 sett. Si corso ci rimetti 165 dal tuo stipendio più il salto programmato...incentivi corso ridicoli..a tanto.altro ancora..Dunque..se da un.lato ce5 il vantaggio indiscusso nell'avere un insegnate che fa.il tuo stesso lavoro. .da un altra parte vorrei vedere l'Amministrazione a servirsi di enti esterni con costi esosi..e con risultati sterili..concludo..auspicando che non venga trascurato questo aspetto perché diventerebbe un vero spreco di risorse la dove un'Istruttore e costretto a rifiutare corsi e formazioni per un aspetto economico!!..grazie..un abbraccio..

Lucio Landinetti ha detto...

Caro Gianluca il contributo di ognuno di noi dovrebbe essere costruttivo. Sappiamo entrambi di aver sempre cercato di migliorare il lavoro del VIGILE DEL FUOCO, di "vendere" il nostro prodotto con la migliore professionalità possibile. Altri invece amano essere fermi, non progredire, non mettersi in gioco. Ed è proprio questo che ci differenzia dal profitto dell'impiego privato.
Nei mesi scorsi, così come è avvenuto nella mia ventennale esperienza pompieristica, ho provato a ragionare sul futuro del Corpo insieme ad un caro amico Capo Squadra. Dal nostro colloquio son venute fuori delle riflessioni sia sulla 139/06 e sia sulla 217/05, che condivido con te, affinchè sia spunto di riflessione:

Lucio Landinetti ha detto...

Ottimizzazione del d.lgs 139.06. Bene. Sul punto, sembra che questo sia stato avviato ed era evidente che l’auspicio puntuale ed attuale di una maggior efficacia da parte del c.n.vv.f. non poteva non prevedere specificatamente i compiti e le funzioni del c.n.vv.f. soprattutto in fatto di armonizzazione dell’intero articolato dello stesso d.lgs 139.06 con la “nuova Prevenzione Incendi”. Sul punto, si apprezzano le modifiche all’art. 20 del d.lgs 139.06 laddove introduce la SCIA quale possibile motivo per contestare reato al titolare attività soggetta alle norme di P.I.;
Il dipartimento ha voluto mettere mano alla palese incongruenza della sanzione penale prevista nell’articolo 20 della 139/2006 con un articolo legato all’attuale assetto della PI.
Il dipartimento va oltre e cerca di attuare quanto sancito nel procedimento del 758 con gli articoli 20 bis, ter, quater, quinquies in merito alla depenalizzazione e/o prescrizione del reato.

Lucio Landinetti ha detto...

A mio modo di vedere nel decreto andrebbero citati esplicitamente gli articoli non abrogati che ritengo molto importanti:
Articolo 7 legge 27 dicembre 1941, n. 1570
Il corpo nazionale dei vigili del fuoco ha un personale permanente e un personale volontario, costituiti da ufficiali, sottufficiali, vigili scelti e vigili.
Il personale permanente dedica la propria attività in modo esclusivo e continuativo al servizio. Il personale volontario è chiamato a prestare servizio ogni qualvolta se ne manifesti il bisogno.
Articolo 8 legge 27 dicembre 1941, n. 1570
Ai fini della presente legge e nell'esercizio delle loro funzioni gli appartenenti ai corpi dei vigili del fuoco, sia permanenti che volontari, sono agenti di pubblica sicurezza e godono, nei viaggi per servizio, degli stessi benefizi concessi agli agenti della forza pubblica circa l'uso dei pubblici trasporti statali, provinciali e comunali.
Articolo 22 legge 27 dicembre 1941, n. 1570
Tutti i servizi pubblici di prevenzione e di estinzione incendi e dei soccorsi tecnici in genere sono assunti, nell'ambito dell'intera provincia, dal corpo dei vigili del fuoco.
Nessun altro pubblico servizio antincendi o similare è ammesso.
Sono ammesse soltanto le informazioni del genere costituite obbligatoriamente ;da ditte ai sensi dell'art. 28, lettera d), nonché quelle costituite da ditte esercenti stabilimenti industriali, obbligate per legge ad organizzare i servizi di protezione antiaerea.
Nulla è innovato per le formazioni del genere dipendenti dalle forze armate dello Stato.

Lucio Landinetti ha detto...

Articolo 24 legge 27 dicembre 1941, n. 1570
Il servizio di estinzione incendi e dei soccorsi tecnici importa l'applicazione delle norme vigenti in materia e l'adozione dei provvedimenti all'uopo necessari ed è esercitato a giudizio sotto la responsabilità del comandante dei reparti di soccorso. I comandanti delle forze armate e di polizia, eventualmente intervenuti sul luogo del disastro per mantenere l'ordine pubblico, debbono agire in conformità delle disposizioni di carattere tecnico impartite dallo stesso comandante.
Inoltre andrebbe sancito a chiare lettere che in base all’articolo 24 comma 1 Il Corpo nazionale, al fine di salvaguardare l'incolumità delle persone
e l'integrità dei beni, assicura gli interventi tecnici caratterizzati dal
requisito dell'immediatezza della prestazione . Pertanto se qualche sprovveduto perde la fede in un burrone, in un tombino, non può chiamare i vigili del fuoco. Se un tizio ha il flessibile rotto a casa perchè non fa manutenzione, non può pretendere che alziamo l’acqua da terra e preserviamo i mobili. Se in un condominio non si mettono d’accordo sui lavori da fare, non possono chiedere “a carta scritt” per accelerare i lavori. Se nelle case popolari, dove MOLTI, non pagano niente ed i comuni sono assenti, non possono chiamare i vigili del fuoco perché l’ente preposto non cambia la tubazione idrica vetusta, o la guaina bituminosa usurata, o l’intonaco ammalorato da lungo tempo. Quest’ultimo pensiero vale anche per altri enti, ormai è un coro. C’è una perdita d’acqua dalla tubazione idrica, stesso l’acquedotto dice “chiamate i pompieri poi se è il caso loro chiamano noi”…. C’è un albero che si ritiene pericolante? Se chiamano l’ente comunale, questi risponde “chiamate i pompieri poi se è il caso loro chiamano noi” e noi non abbiamo AGRONOMI nel corpo, ma tanti ingegneri e architetti che non vengono a vedere nemmeno sul posto gli alberi e chiedono al CS (che teoricamente, per il dipartimento, ha la terza media) “ma tu non sai vedere se è pericolante?”… c’è un tombino divelto e chiamano i vigili urbani?, rispondono “chiamate i pompieri poi se è il caso loro chiamano noi”…ecc.
Nei molti casi citati; dove si evince che gli interventi tecnici di soccorso pubblico del Corpo nazionale, di cui al comma 2, si limitano ai compiti di carattere strettamente urgente e cessano al venir meno della effettiva necessità? (comma 3); e gli interventi tecnici caratterizzati dal requisito dell'immediatezza della prestazione? (comma 1).

Siamo impegnati spesso e per diverse ore in attesa di altri enti competenti.
Non so come la pensi, ma dalla revisione della 139 noto, purtroppo, che scrive sempre chi non fa il pompiere.

Lucio Landinetti ha detto...

Per la revisione del d.lgs 217.05. Madia introduce uno strumento che dovrebbe dare l’opportunità di una riforma vera che guardi all’efficacia ed efficienza, quindi, a mio modo di vedere ben lontana dalla proposta di modifica.
La meritocrazia per il personale operativo che presta soccorso in prima linea, VIGILI CAPI SQUADRA E CAPI REPARTO dov’è?
L’anzianità non è sinonimo di merito, in termini assoluti!

Lucio Landinetti ha detto...

Art. 11.
Funzioni del personale appartenente al ruolo dei capi squadra e dei capi reparto
Ha le stesse mansioni del vigile in merito alla verifica delle attrezzature? Non vi è alcuna menzione dell’articolo 19 del D.Lgs 81/08 (Testo Unico Sicurezza) dove si definisce il "Preposto" come: persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa.
Oggi, a mio parere, viste le acquisite capacità operative-professionali da parte dei qualificati del c.n.vv.f., visto e considerato che i funzionari difficilmente si recano sugli scenari di soccorso tecnico urgente, visto che è verificato il fatto che i qualificati assumono tutta la responsabilità del soccorso nei primi minuti, è verificato che le decisioni dei qualificati determinano il successo o l’insuccesso della missione, allora perché non decretare che tale pesante responsabilità non debba corrispondere nella giusta misura della indennità rischio più consistente per la squadra di prima partenza e quindi per i qualificati? Oggi esistono specialisti su tutto, nessuno mai farà intervenire un funzionario in una emergenza in quanto nei primi minuti dell’emergenza stessa serve risolvere l’evento e questo lo fanno bene i vigili ed i cc.ss. intervenuti senza che essi abbiano bisogno di alcun funzionario che li coordini. Uscire da questa impostazione vecchia e superata dai fatti, una volta i qualificati non avevano conoscenze oltre l’ordinario, oggi sono tutti altamente formati e quindi in grado da soli di risolvere qualsiasi emergenza (LPG, TAS, USAR, Cinofili, SAF, Nautici, SMZT, TPSS, ecc.). al cittadino bisognoso di soccorso si risponde con i fatti e non con le gerarchie fine a se stesse e prive di senso. La Costituzione dice: mi paghi per quello che faccio. Punto.
Art. 12.
Accesso al ruolo dei capi squadra e dei capi reparto
Eliminato il 40%, addio definitivo alla timida meritocrazia prima introdotta … è una sconfitta per chi - come noi - ci credeva … non ho parole e pertanto non commento ...

Lucio Landinetti ha detto...

Art. 20.
Funzioni del personale appartenente al ruolo degli ispettori e dei sostituti direttori antincendi
Collaborano, partecipano, redigono progetti, effettuano esami progetti, verifiche tecniche, partecipano ai lavori collegiali in commissioni, curano attuazione programmi di formazione-addestramento, comando dist.ti, nelle emergenza può essere affidata loro la responsabilità di gruppi a supporto di attività di soccorso tecnico urgente … Bene, nulla in riferimento alla responsabilità vera nelle decisioni connesse al vero soccorso, quello dei primi minuti, quello in mano solo e soltanto ai qualificati tanto sottovalutati. Queste figure, cosi come gli SDAC ed i Direttivi, non hanno nessuna responsabilità specifica in merito alla risoluzione dell’evento in modo esecutivo, giungono dopo, possono farlo dopo aver pianificato e dopo che altri hanno assunto decisioni e pesanti responsabilità non sufficientemente retribuite. Non si capisce perché non si voglia mettere sullo stesso piano retributivo il personale qualificato con quello degli Isp.ri e degli SDAC. E evidente che sono due mestieri completamente diversi, non si comprende del perché il VIGILE DEL FUOCO non debba essere pagato per quello che è, perché non si ripara questo guasto? La legge Madia non è affatto ostativa al riconoscimento del merito … non dice che bisogna ancora tutelare i pompieri del giorno dopo … basta volerlo e questo solo la categoria può deciderlo … il resto sono chiacchiere!
Art. 30.
Conferimento delle promozioni per merito straordinario
Questa è utopia, non entro nel merito ma nel cnvv.f mai nessuno potrà godere di questo articolo … alcuni comandanti non rispondono nemmeno alle proposte di elogio, non si interessano proprio a queste cose…

Lucio Landinetti ha detto...

Art. 41.
Accesso al ruolo dei direttivi
anche, qui persevera nel non voler riconoscere laure diverse quali: geologia, fisica, chimica, biologia, ecc., davvero non si comprende ciò nonostante la riforma del d.lgs 139.06
Art. 79.
Equiparazioni retributive del personale appartenente ai ruoli dei direttivi e dei dirigenti (13/23)
PER IL PERSONALE OPERATIVO NON DIRIGENTE NULLA?
Art. ………………….
Istituzione del ruolo speciale ad esaurimento dei direttivi operativi speciali.
Finalmente, dopo 10 anni ci sono riusciti, evviva la meritocrazia! Altra furbata ai danni di chi ha ed aveva davvero “titolo” per essere valorizzato. In pratica, i semplici diplomati hanno accesso al ruolo direttivi (camuffato in speciale ad esaurimento) dove è prevista la laurea; i laureati (vigili, capi squadra, capi reparto) non hanno riconosciuto il diritto a vedersi ammettere a punteggio un titolo di studio accademico per l’accesso ai ruoli che prevedono la scuola dell’obbligo, bella e giusta questa norma, complimenti. Sarebbe interessante poterla spiegare direttamente al Ministro Madia e magari vedere come la pensa sul merito e sullo spirito dei suoi indirizzi!?

Enzo Nardelli ha detto...

Condivido in pieno i commenti di Lucio.
La riforma, ai sensi della legge madia, dei Dlgs 217/05 e 139/06 è stata fatta in virtù di un'armonizzazione ed una valorizzazione delle attitudini dei dipendenti della p.a. e al contempo di una gestione più oculata della spesa pubblica.
Il cnvvf e tutte le sue articolazioni centrali e periferiche girano intorno al compito primario istituzionale dei vvf ...ossia il S.T.U.! CHIARAMENTE ESPLETATO IN VIA PRIMARIA ED ESCLUSIVA DALLE SQUADRE VVF ordinarie, specialistiche e/o specializzate. Ma della valorizzazione di queste figure, a mio avviso APICALI nelle attività di soccorso non vi è traccia; anzi, nello specifico l'amministrazione propone di creare un ruolo unico inserendo i vf-cs-cr e pertanto appiattendo ancora di più verso il basso la categoria, già fortemente discriminata.
Detto ruolo, che negli ultimi 20 anni, ha visto una rivisitazione di carattere tecnico/specialistico ed una valorizzazione sociale della figura; i VF CS CR sono impiegati oltre che all'estinzione degli incendi, anche nei soccorsi speciali in ambienti impervi, non convenzionali, aerei e acquatici garantendo sin dai primi istanti dell'evento una pronta ed efficace risposta al cittadino h24 e 365 giorni l'anno...caratteristiche e prerogative di un professionista del soccorso e non di un impiegato comune della pubblica amministrazione.
Contestualmente il passaggio di ruolo da vf a cs avverrà per titoli ed anzianità lasciando quella strada intrapresa nel lontano 2006 che , sempre a mio avviso, non andava abbandonata totalmente ma andava rimodulata nei contenuti...stabilendo, previa copertura economica, un riordino della progressione di carriera per i vf più anziani e successivamente avviare delle procedure concorsuali più meritocratiche magari con prove più attinenti all'ATTIVITA' OPERATIVA legate a prove teoriche e test a risposta multipla...

Enzo Nardelli ha detto...

Leggendo sempre la bozza del 217/05 noto la creazione del ruolo speciale di DIRETTIVI ad esaurimento rivolto ai SDA/SDAC/SDACE in possesso di laurea; senza discriminare la categoria faccio un'analisi obiettiva della loro evoluzione nel cnvvf. Assunti per concorso pubblico con titolo di studio DIPLOMA(periti e geometri) all'interno del Corpo sono stati inquadrati come una figura ibrida tra Funzionari e Sottoufficiali superiori con qualifiche di ATA-RTA-CTA rivendicando, anche con giusta causa, nei confronti dell'amministrazione una collocazione contrattuale che poco gli si addiceva; pertanto con l'avvento del cambio del rapporto d'impiego passando in regime di Diritto Pubblico, ai sensi della legge delega 252/04 e il successivo e tanto nominato 217/05 sono riusciti ad ottenere un ruolo sempre ad esaurimento nominandoli SDA/SDAC/SDACE ma con parametri stipendiali diversi dai futuri Ispettori e Sostituti Direttori Antincendi.
Tanto è vero che l'amministrazione pone loro su dei livelli e paramtri stipendiali vicini ai Direttivi e pone i futuri "IA e SDA" nel giusto livello dei sottoufficiali superiori paragonati(e non equiparati) ai ruoli degli ispettori di PS/CFS/PP ed ai ruoli dei Marescialli di CC e GDF.
In questo caso e solo per pochi dipendenti, l'amministrazione è stata accomodante con detto personale(ex RTA CTA ATA) varando un riordino e valorizzando, anche con giusta causa, la loro professionalità nel corpo già all'epoca che fu approvato il dlgs 217/05 perché dicendola tutta, la loro reale collocazione ai sensi del nuovo ordinamento sarebbe stata tra i sottufficiali superiori in possesso di diploma come avviene negli altri corpi dello stato.
E dopo 10 anni il governo, ai sensi della legge Madia, ci dice di cambiare il ns ordinamento per i motivi che ho espresso prima e l'amministrazione invece di armonizzare e valorizzare le figure apicali del soccorso fa un'ulteriore "regalo" a detta categoria passando da semplici marescialli ad ALTI UFFICIALI!!!
E per di più sempre per questa categoria allargandola anche ai Dirigenti ,gli viene conferito un assegno di funzione a 13 e 23 anni di servizio!!!
E...perché non valorizzare i laureati e diplomati che si occupano del Soccorso Tecnico Urgente a 360 gradi... e come diceva l'attento Lucio...di chi si occupa del soccorso dalla chiamata fino alla risoluzione dell'intervento.
Penso che sia più facile perseguire da parte dell'amministrazione questa strada valorizzando sempre i pochi al cospetto degli altri lavoratori...decisioni spalleggiate e non osteggiate da talune organizzazioni sindacali fortemente compromesse in questo intreccio!