giovedì 25 febbraio 2016

Osservazioni sulle leggi 139/06 e 217/05


Riporto di seguito delle osservazioni giunte attraverso i commenti nel precedente post.

Caro Gianluca il contributo di ognuno di noi dovrebbe essere costruttivo. Sappiamo entrambi di aver sempre cercato di migliorare il lavoro del VIGILE DEL FUOCO, di "vendere" il nostro prodotto con la migliore professionalità possibile. Altri invece amano essere fermi, non progredire, non mettersi in gioco. Ed è proprio questo che ci differenzia dal profitto dell'impiego privato.
Nei mesi scorsi, così come è avvenuto nella mia ventennale esperienza pompieristica, ho provato a ragionare sul futuro del Corpo insieme ad un caro amico Capo Squadra. Dal nostro colloquio son venute fuori delle riflessioni sia sulla 139/06 e sia sulla 217/05, che condivido con te, affinchè sia spunto di riflessione:
Anonimo Ottimizzazione del d.lgs 139.06. Bene. Sul punto, sembra che questo sia stato avviato ed era evidente che l’auspicio puntuale ed attuale di una maggior efficacia da parte del c.n.vv.f. non poteva non prevedere specificatamente i compiti e le funzioni del c.n.vv.f. soprattutto in fatto di armonizzazione dell’intero articolato dello stesso d.lgs 139.06 con la “nuova Prevenzione Incendi”. Sul punto, si apprezzano le modifiche all’art. 20 del d.lgs 139.06 laddove introduce la SCIA quale possibile motivo per contestare reato al titolare attività soggetta alle norme di P.I.; 
Il dipartimento ha voluto mettere mano alla palese incongruenza della sanzione penale prevista nell’articolo 20 della 139/2006 con un articolo legato all’attuale assetto della PI.
Il dipartimento va oltre e cerca di attuare quanto sancito nel procedimento del 758 con gli articoli 20 bis, ter, quater, quinquies in merito alla depenalizzazione e/o prescrizione del reato.
Anonimo
A mio modo di vedere nel decreto andrebbero citati esplicitamente gli articoli non abrogati che ritengo molto importanti:
Articolo 7 legge 27 dicembre 1941, n. 1570
Il corpo nazionale dei vigili del fuoco ha un personale permanente e un personale volontario, costituiti da ufficiali, sottufficiali, vigili scelti e vigili.
Il personale permanente dedica la propria attività in modo esclusivo e continuativo al servizio. Il personale volontario è chiamato a prestare servizio ogni qualvolta se ne manifesti il bisogno.
Articolo 8 legge 27 dicembre 1941, n. 1570
Ai fini della presente legge e nell'esercizio delle loro funzioni gli appartenenti ai corpi dei vigili del fuoco, sia permanenti che volontari, sono agenti di pubblica sicurezza e godono, nei viaggi per servizio, degli stessi benefizi concessi agli agenti della forza pubblica circa l'uso dei pubblici trasporti statali, provinciali e comunali.
Articolo 22 legge 27 dicembre 1941, n. 1570
Tutti i servizi pubblici di prevenzione e di estinzione incendi e dei soccorsi tecnici in genere sono assunti, nell'ambito dell'intera provincia, dal corpo dei vigili del fuoco.
Nessun altro pubblico servizio antincendi o similare è ammesso.
Sono ammesse soltanto le informazioni del genere costituite obbligatoriamente ;da ditte ai sensi dell'art. 28, lettera d), nonché quelle costituite da ditte esercenti stabilimenti industriali, obbligate per legge ad organizzare i servizi di protezione antiaerea.
Nulla è innovato per le formazioni del genere dipendenti dalle forze armate dello Stato.
Anonimo
Articolo 24 legge 27 dicembre 1941, n. 1570
Il servizio di estinzione incendi e dei soccorsi tecnici importa l'applicazione delle norme vigenti in materia e l'adozione dei provvedimenti all'uopo necessari ed è esercitato a giudizio sotto la responsabilità del comandante dei reparti di soccorso. I comandanti delle forze armate e di polizia, eventualmente intervenuti sul luogo del disastro per mantenere l'ordine pubblico, debbono agire in conformità delle disposizioni di carattere tecnico impartite dallo stesso comandante.
Inoltre andrebbe sancito a chiare lettere che in base all’articolo 24 comma 1 Il Corpo nazionale, al fine di salvaguardare l'incolumità delle persone
e l'integrità dei beni, assicura gli interventi tecnici caratterizzati dal
requisito dell'immediatezza della prestazione . Pertanto se qualche sprovveduto perde la fede in un burrone, in un tombino, non può chiamare i vigili del fuoco. Se un tizio ha il flessibile rotto a casa perchè non fa manutenzione, non può pretendere che alziamo l’acqua da terra e preserviamo i mobili. Se in un condominio non si mettono d’accordo sui lavori da fare, non possono chiedere “a carta scritt” per accelerare i lavori. Se nelle case popolari, dove MOLTI, non pagano niente ed i comuni sono assenti, non possono chiamare i vigili del fuoco perché l’ente preposto non cambia la tubazione idrica vetusta, o la guaina bituminosa usurata, o l’intonaco ammalorato da lungo tempo. Quest’ultimo pensiero vale anche per altri enti, ormai è un coro. C’è una perdita d’acqua dalla tubazione idrica, stesso l’acquedotto dice “chiamate i pompieri poi se è il caso loro chiamano noi”…. C’è un albero che si ritiene pericolante? Se chiamano l’ente comunale, questi risponde “chiamate i pompieri poi se è il caso loro chiamano noi” e noi non abbiamo AGRONOMI nel corpo, ma tanti ingegneri e architetti che non vengono a vedere nemmeno sul posto gli alberi e chiedono al CS (che teoricamente, per il dipartimento, ha la terza media) “ma tu non sai vedere se è pericolante?”… c’è un tombino divelto e chiamano i vigili urbani?, rispondono “chiamate i pompieri poi se è il caso loro chiamano noi”…ecc.
Nei molti casi citati; dove si evince che gli interventi tecnici di soccorso pubblico del Corpo nazionale, di cui al comma 2, si limitano ai compiti di carattere strettamente urgente e cessano al venir meno della effettiva necessità? (comma 3); e gli interventi tecnici caratterizzati dal requisito dell'immediatezza della prestazione? (comma 1).

Siamo impegnati spesso e per diverse ore in attesa di altri enti competenti.
Non so come la pensi, ma dalla revisione della 139 noto, purtroppo, che scrive sempre chi non fa il pompiere.
Anonimo
Per la revisione del d.lgs 217.05. Madia introduce uno strumento che dovrebbe dare l’opportunità di una riforma vera che guardi all’efficacia ed efficienza, quindi, a mio modo di vedere ben lontana dalla proposta di modifica.
La meritocrazia per il personale operativo che presta soccorso in prima linea, VIGILI CAPI SQUADRA E CAPI REPARTO dov’è?
L’anzianità non è sinonimo di merito, in termini assoluti!

Art. 11.
Funzioni del personale appartenente al ruolo dei capi squadra e dei capi reparto
Ha le stesse mansioni del vigile in merito alla verifica delle attrezzature? Non vi è alcuna menzione dell’articolo 19 del D.Lgs 81/08 (Testo Unico Sicurezza) dove si definisce il "Preposto" come: persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa.
Oggi, a mio parere, viste le acquisite capacità operative-professionali da parte dei qualificati del c.n.vv.f., visto e considerato che i funzionari difficilmente si recano sugli scenari di soccorso tecnico urgente, visto che è verificato il fatto che i qualificati assumono tutta la responsabilità del soccorso nei primi minuti, è verificato che le decisioni dei qualificati determinano il successo o l’insuccesso della missione, allora perché non decretare che tale pesante responsabilità non debba corrispondere nella giusta misura della indennità rischio più consistente per la squadra di prima partenza e quindi per i qualificati? Oggi esistono specialisti su tutto, nessuno mai farà intervenire un funzionario in una emergenza in quanto nei primi minuti dell’emergenza stessa serve risolvere l’evento e questo lo fanno bene i vigili ed i cc.ss. intervenuti senza che essi abbiano bisogno di alcun funzionario che li coordini. Uscire da questa impostazione vecchia e superata dai fatti, una volta i qualificati non avevano conoscenze oltre l’ordinario, oggi sono tutti altamente formati e quindi in grado da soli di risolvere qualsiasi emergenza (LPG, TAS, USAR, Cinofili, SAF, Nautici, SMZT, TPSS, ecc.). al cittadino bisognoso di soccorso si risponde con i fatti e non con le gerarchie fine a se stesse e prive di senso. La Costituzione dice: mi paghi per quello che faccio. Punto.
Art. 12.
Accesso al ruolo dei capi squadra e dei capi reparto
Eliminato il 40%, addio definitivo alla timida meritocrazia prima introdotta … è una sconfitta per chi - come noi - ci credeva … non ho parole e pertanto non commento ...

Anonimo
Art. 20.
Funzioni del personale appartenente al ruolo degli ispettori e dei sostituti direttori antincendi
Collaborano, partecipano, redigono progetti, effettuano esami progetti, verifiche tecniche, partecipano ai lavori collegiali in commissioni, curano attuazione programmi di formazione-addestramento, comando dist.ti, nelle emergenza può essere affidata loro la responsabilità di gruppi a supporto di attività di soccorso tecnico urgente … Bene, nulla in riferimento alla responsabilità vera nelle decisioni connesse al vero soccorso, quello dei primi minuti, quello in mano solo e soltanto ai qualificati tanto sottovalutati. Queste figure, cosi come gli SDAC ed i Direttivi, non hanno nessuna responsabilità specifica in merito alla risoluzione dell’evento in modo esecutivo, giungono dopo, possono farlo dopo aver pianificato e dopo che altri hanno assunto decisioni e pesanti responsabilità non sufficientemente retribuite. Non si capisce perché non si voglia mettere sullo stesso piano retributivo il personale qualificato con quello degli Isp.ri e degli SDAC. E evidente che sono due mestieri completamente diversi, non si comprende del perché il VIGILE DEL FUOCO non debba essere pagato per quello che è, perché non si ripara questo guasto? La legge Madia non è affatto ostativa al riconoscimento del merito … non dice che bisogna ancora tutelare i pompieri del giorno dopo … basta volerlo e questo solo la categoria può deciderlo … il resto sono chiacchiere!
Art. 30.
Conferimento delle promozioni per merito straordinario
Questa è utopia, non entro nel merito ma nel cnvv.f mai nessuno potrà godere di questo articolo … alcuni comandanti non rispondono nemmeno alle proposte di elogio, non si interessano proprio a queste cose…

Anonimo
Art. 41.
Accesso al ruolo dei direttivi
anche, qui persevera nel non voler riconoscere laure diverse quali: geologia, fisica, chimica, biologia, ecc., davvero non si comprende ciò nonostante la riforma del d.lgs 139.06
Art. 79.
Equiparazioni retributive del personale appartenente ai ruoli dei direttivi e dei dirigenti (13/23)
PER IL PERSONALE OPERATIVO NON DIRIGENTE NULLA?
Art. ………………….
Istituzione del ruolo speciale ad esaurimento dei direttivi operativi speciali.
Finalmente, dopo 10 anni ci sono riusciti, evviva la meritocrazia! Altra furbata ai danni di chi ha ed aveva davvero “titolo” per essere valorizzato. In pratica, i semplici diplomati hanno accesso al ruolo direttivi (camuffato in speciale ad esaurimento) dove è prevista la laurea; i laureati (vigili, capi squadra, capi reparto) non hanno riconosciuto il diritto a vedersi ammettere a punteggio un titolo di studio accademico per l’accesso ai ruoli che prevedono la scuola dell’obbligo, bella e giusta questa norma, complimenti. Sarebbe interessante poterla spiegare direttamente al Ministro Madia e magari vedere come la pensa sul merito e sullo spirito dei suoi indirizzi!?

martedì 23 febbraio 2016

Vigili del fuoco in protesta a Napoli





Napoli 23 febbraio 2016

E' un pò che non scrivo su questo blog, un pò perchè è calato il mordente e un altro pò la rete con i social ha fatto perdere tanto in motivazione.
Ma oggi sento di scrivere, per lasciare il segno, per fare memoria, per dire la mia.Almeno qui!
Nell'ambiente dei vigili del fuoco è un po che monta il malumore, per tanti motivi: il rinnovo contrattuale, i mezzi che vanno spesso fuori servizio data la loro età, le attrezzature che vengono a mancare per le poche risorse, il personale che non riesce a mantenere gli standard formativi, i passaggi di qualifica, le malattie. Insomma una moltiplicità di situazione che rendono il lavoro più bello del mondo una jungla di difficoltà.
Ma veniamo a noi. Oggi anche i colleghi di Napoli hanno deciso di incontrarsi in assemblea spontanea per confrontarsi, per dare ognuno il proprio contributo al fine di far partire dalla "base" (come dice un amico) le proposte alle oo.ss. per quando vanno a sedersi al tavolo delle trattative.
Erano presenti all'incirca una 70 di persone, in maggioranza della sede Centrale e con un età anagrafica che superava i 45 anni e con anzianità oltre i 15 anni. Questo per capire un attimo la composizione della platea.
Molti discorsi erano più che fondati e validi da affrontare, la prospettiva delle pensioni, le malattie per causa di servizio diretta e indiretta, sono aspetti più che nobili. Le indennità irrisorie, pensate che un vvf prende 1,03 euro/ora per l'indennità notturna e/o festiva.
Diciamo che fin qui tutto bene, grosso consenso e buona convergenza da tutti i presenti. Ma la questione è che in questo momento si sta mettendo mano alla riforma della legge 217 e della legge 139, che rappresentano le articolazioni del funzionamento del Corpo.
Quindi a mio parere sarebbe il caso di focalizzare l'attenzione su questo!
In diversi hanno preso parola e hanno detto la loro. Cerco di riportare il mio pensiero in breve al fine di spiegare meglio le cose.
Un punto chiave, viene da una situazione della gestione del Corpo da parte dei nostri dirigenti che da un lato devono garantire il soccorso ma dall'altro devono far quadrare i conti. Questo è il nocciolo del problema, l'economia gestionale, che più che prediligere la tesi della spending review, pare applicare solo dei tagli netti. Ma il pericolo maggiore viene dalla riforma degli amministrativi del Corpo a cui si vuole dare un ruolo dirigenziale di maggior peso.
Il rischio sarebbe quello di non avere mezzi e risorse per effettuare un soccorso ad alto livello e doversi ritrovare su un intervento e dover procedere con modalità poco consone o come capitato non poter garantire il giusto supporto di operatori specializzati per mera copertura economica.
Altra problematica, e qui entriamo nel vivo del discorso, l'accesso al ruolo di vigile del fuoco avviene con la terza media, unica amministrazione pubblica rimasta con questa possibilità.Cosa che comporta un collocamento su un 5 livello e pertanto già mette in posizione svantagiata il lavoratore rispetto ad altre amministrazioni ( vedi P.S., CC, GdF,Pol. Penitenziaria).
Ma la cosa che non si riesce a risolvere in nessun modo sono i passaggi di qualifica, che vedono il personale vivere il ruolo di vigile per oltre i 2/3 della propria carriera e raggiungere il passaggio di qualifica a Capo Squadra in età avanzata e con anzianità di servizio oltre i 20 anni.
Il concetto base come è attuato con altre amministrazioni e il passaggio con doppio binario, alcuni per solo titoli e altri per concorso (60 e 40) riservato a colleghi che abbiano maturato 10 anni di servizio.

Fin qui tutto bene, passa il tempo, la platea è stanca ed è qua che entra il gioco il gruppo di persone che orienta la massa e li porta a ragionare di pancia e tirando le fila porta a votazione le questioni del proprio punto personale e come gia detto in apertura la platea è particolare, ed è gioco facile e dirottare le masse facendo credere che si stia agendo in democrazia.

Io non ci sto! Perchè ancora una volta si cavalca l'onda emozionale e non si fa comprendere che in questo modo, si sta ancora una volta arrestando il passaggio di qualifica di persone, ancora una volta si sta appiattendo il lavoratore, lo si mette in condizione di non aver stimoli a miglioramento e non avere quindi personale più qualificato.
E' con il personale qualificato che bisogna pretendere il pagamento delle professionalità aggiunte. Vedi i SAF 2A, autisti di 4 grado e ruspisti, SA, TAS2,NBCR3. Insomma l'Italia ha una macchina del soccorso tecnico eccellente, ma gestita con persone che la fanno girare lenta.
Certo ci sarebbe ancora tanto da scrivere e confrontare, ma spero che almeno chi abbia iniziato la lettura, sia arrivato alla fine.
 Poi ogni argomento va sviscerato e digerito al fine di poter arrivare ad una decisione.
Come dice un mio grande amico, in fase di cambiamento non si può accontentare tutti, ma almeno proviamo a cambiare, che a restar fermi non si può più!

mercoledì 18 settembre 2013

Rifiuti, un emergenza mai finita.

Dal primo gennaio 2012 al 31 agosto di quest'anno i roghi di rifiuti nella Terra dei fuochi, l'area tra Napoli e Caserta, sono stati oltre 6.000. Il dato è contenuto in un rapporto di Legambiente sulla base delle analisi dei Vigili del fuoco incaricati dal viceprefetto Donato Carfagna. Dei 6.034 roghi, 3.049 riguardano la provincia di Napoli e 2.085 quella di Caserta.

Non solo. Tra le province di Napoli e Caserta, negli ultimi 5 anni sono stati compiuti ben 205 arresti per traffici e smaltimenti illegali di rifiuti, pari al 29,2% del totale nazionale, cioè poco meno di un terzo complessivo.


È quanto emerge dal dossier «Terra dei Fuochi, radiografia di un ecocidio. I numeri, le responsabilità, le conseguenze sulla salute dei cittadini, e le proposte di Legambiente», presentato questa mattina in occasione del lancio dell'iniziativa Puliamo il mondo in programma dal 27 al 29 settembre.


Sempre su scala nazionale, s'è registrato quasi il 10% dei sequestri effettuati (1.062), più dell'8% delle infrazioni (2.068) e quasi l'8% delle persone denunciate (2.246). Numeri che confermano l'entità dell'aggressione ambientale subita dal territorio campano e che si collocano in un contesto regionale che vede la Campania stabilmente in testa nei rapporti ecomafia di Legambiente per numeri di reati ambientali.


Tra le province di Napoli e Caserta, negli ultimi 5 anni sono stati compiuti ben 205 arresti per traffici e smaltimenti illegali di rifiuti, pari al 29,2% del totale nazionale, cioè poco meno di un terzo complessivo.


tratto da Il Mattino

venerdì 4 maggio 2012

10-11-12 Maggio - Compagnia Teatrale dei Vigili del Fuoco di Napoli I CENTOQUINDICI in : " Le gioie del matrimonio".


    • giovedì 10 maggio 2012
    • 20.30
  • Napoli - Teatro Cilea Via San Domenico, 11
  • La Compagnia teatrale "I Centoquindici", compagnia formata da personale vigile del fuoco, associazione ONLUS, rappresenterà nei giorni 10-11-12 Maggio 2012 presso il Teatro Cilea in Napoli al Vomero la commedia “Le gioie del matrimonio”.
    Il costo del biglietto e' di € 10,00 .
    Il ricavato sarà devoluto in beneficenza.


    I Centoquindici nascono nell’autunno del 2002 da un idea di un vigile del fuoco napoletano, Aurelio Magnetti, con lo scopo di divertirsi e divertire.

    La loro carriera inizia con i successi “Donna Chiarina pronto soccorso” e “Il morto stà bene in salute”, “Signori Biglietti” e “M’priestame a Mugliereta”. La selezione dei protagonisti è stata complessa nel suo insieme, poiché la disponibilità del personale, offriva difficoltà nella composizione della compagnia stessa.

    Con soddisfazione, dopo circa tre mesi di lavoro si è raggiunto tra i protagonisti un accettabile livello di recitazione, ricordando però, che per alcuni è la prima esperienza .

    Come sempre i Vigili del Fuoco anche questa volta hanno risposto ad una “chiamata di soccorso”, infatti il ricavato della commedia andrà interamente devoluto all’associazione “Tutti a Scuola” e l’Associazione A.M.A.M.I.

    Ringrazio fin da ora tutti coloro che vorranno partecipare e dare il loro contributo a questo bellissimo evento a sfondo benefico. 

martedì 31 gennaio 2012

UNA CARTOLINA PER IL VIGILE SCELTO MARTINELLI MARIO L'ultimo pompiere-partigiano

Mario compirà 90 anni e per fargli una sorpresa che sicuramente gli farà un piacere enorme, mi piacerebbe che tutti i pompieri d'Italia gli mandassero una cartolina d'auguri! L'impresa sarà un po' difficile ma a noi pompieri piacciono le sfide e quindi vi chiedo d'aiutarmi. Girate questo messaggio a tutti i colleghi che avete e mandate a Mario una bella cartolina (magari a tema con i pompieri!) con i vostri auguri e con scritto in quale comando vvf fate servizio.
Mario si merita questo piccolo gesto perché ha dedicato la sua vita ai pompieri e perché quando ci viene a trovare, ci racconta le sue storie e condivide con noi il suo grande cuore di pompiere, gli brillano gli occhi e, in quell'istante, a tutti noi piacerebbe diventare un grande pompiere come lui!

MARTINELLI MARIO
VIA LUIGI SODERINI, 21
20146 MILANO MI

Grazie di cuore



http://www.museovvfmilano.it/vigile_scelto_martinelli_mario.html

giovedì 6 ottobre 2011

Racconto di una notte di scontri durante l'Emergenza rifiuti del 2008

..... "In questa emergenza rifiuti, la notte del 7 gennaio 2008 passerà alla storia, come quella degli scontri. Sono già diverse notti che passiamo a spegnere cumuli di rifiuti ed un segnale di tensione l'abbiamo avuto già la notte scorsa con l'incendio dei 4 autobus. Ma veniamo a ieri sera, è un turno come un altro, forse, fatto di dodici ore di servizio e con la notizia che la polizia ha lasciato Pianura. La pioggia c'è stata e dovrebbe essere una serata un poco più tranquilla. Iniziamo il nostro turno di lavoro con il controllo dell'automezzo e delle sue attrezzature, tutto deve essere in ordine per un vigile del fuoco è di fondamentale importanza. La serata, a sentire la radio sembra tranquilla, ma è una calma strana, non è possibile che si sgonfi tutto in così poco tempo. E infatti ecco la chiamata dalla sala operativa:"Portatevi in Pianura alla Via Montagna Spaccata per incendio autobus, sul posto dimostranti e forze dell'ordine". Di solito la vestizione avviene durante il percorso, questa volta no. La situazione appare subito difficile, ci vestiamo e partiamo dal distaccamento con lampeggianti e sirene, durante il percorso il capo squadra chiede ulteriori informazioni alla sala operativa, la situazione è difficile.
Lui, un uomo di 53 anni di cui una trentina trascorsi nel Corpo sempre in prima linea, mi guarda e subito ci intendiamo, in prossimità sirena spenta e massima attenzione. Arrivati alla rotonda di Via Cinzia, ci compare innanzi tutto lo scenario, tra noi e l'autobus in fiamme, i blindati della polizia e i dimostranti. Ci fermiamo e attendiamo disposizioni dalla Polizia che ci dirà quando la zona è sicura. Passano diversi minuti, la situazione non è bella, sento dentro di me una sensazione strana mi giro indietro e chiedo ai miei colleghi se provano la stessa cosa mi rispondono: "Vedi tu!!". Nel frattempo per radio una squadra interviene per una situazione simile in Pozzuoli al Rione Toiano con dei cumuli di rifiuti in fiamme,sempre dimostranti e forze dell'ordine presenti sul posto, appena arrivano in prossimità vengono bersagliati con il lancio di pietre ed oggetti vari, per fortuna nessuno si fa male è solo l'automezzo a riportare dei danni. Ma sentire per radio l'urlo dei colleghi che chiedono a gran voce l'intervento delle forze dell'ordine non è bello. Nell'attesa la polizia ha caricato e ha disperso i dimostranti, riceviamo l'ok per intervenire, ci portiamo in prossimità ed iniziamo l'opera di spegnimento sembra tutto sotto controllo, ma la cosa non ci piace rimaniamo sempre in apprensione. Ecco, come abbiamo spento le fiamme, ci lanciano addosso una serie di fuochi d'artificio, raccogliamo in gran fretta l'attrezzatura, riavvolgiamo i naspi e lasciamo il posto, facendo rientro al distaccamento. Tutto l'intervento avviene con la consapevolezza che dall'alto dei balconi ho dei parenti che mi guardano e queste cose vederle in tv è una cosa e vederle in diretta da vicino è tutta un'altra cosa.
Riusciamo a far rientro e mi chiama mia moglie, vuol saper dove sono, lei a casa sta guardando in televisione "Porta a porta", gli dico sono in caserma, ma defilo su dove sono stato poco prima, ha un groppo in gola si sente dalla voce, provate a mettervi nei panni di una moglie che è a casa con i figli. Continuiamo la notte con lo spegnimento di un cumulo di rifiuti a Bacoli ed un soccorso a persona. Intorno alle 3.00 sentiamo che una squadra interviene in Pianura per un incendio auto, arrivati sul posto richiedono l'intervento di un altra squadra per un altro incendio auto in prossimità. Mentre stanno spegnendo si girano indietro e notano un gruppo di ragazzi che corrono verso di loro con lancio di pietre e bastoni, immediatamente richiedono l'intervento delle forze dell'ordine, una squadra riesce ad allontanarsi e un'altra squadra abbandona l'automezzo trovando rifugio in un parco accolta in casa di alcune persone, dopo poco solo con l'arrivo delle forze dell'ordine recuperano l'automezzo e fanno rientro in sede. In contatto con la sala operativa veniamo a sapere che ad un' altra squadra hanno rotto il vetro anteriore dell'automezzo. Ritorniamo in sede e insieme ad altri colleghi ci beviamo un caffè e ci adagiamo per un riposo da "guerriero" con la speranza che al più presto si alzi il sole per poter far rientro a casa...."